AVVOCATO

Percorsi, Manuale breve di Diritto processuale penale. Disponibile un nuovo aggiornamento

23 Ottobre 2019
 
Le nuove leggi che concernono il processo penale e che sono state promulgate a partire dal mese di aprile del 2019 hanno avuto ad oggetto le tematiche più disparate.
La legge 12 aprile 2019, n. 33 ha introdotto il divieto di applicare il giudizio abbreviato ai delitti puniti con l'ergastolo commessi successivamente all'entrata in vigore della medesima legge, e cioè dopo il 20 aprile 2019; pertanto, per i procedimenti già in corso restano in vigore le precedenti disposizioni.
Per quanto concerne i futuri procedimenti, quando la richiesta di giudizio abbreviato formulata nell'udienza preliminare sarà dichiarata inammissibile e, viceversa, all'esito del dibattimento il giudice riterrà che per il fatto accertato sia consentito tale rito, sarà applicabile la relativa riduzione della pena.
La legge 26 aprile 2019, n. 36, recante modifiche al codice penale in materia di legittima difesa, è entrata in vigore il 18 maggio 2019. Vi sono novità normative in relazione ai procedimenti penali che accerteranno la presenza delle nuove circostanze della causa di giustificazione prevista dall’art. 52 c.p. Tali procedimenti dovranno essere inseriti nell’elenco che assicura la priorità assoluta nella formazione dei ruoli di udienza e nella trattazione. Il processo penale a carico di chi si è difeso da un’aggressione nel domicilio dovrà svolgersi in futuro più velocemente che in passato (art. 132-bis, co. 1, lett. a-ter, att. c.p.p.).
Una seconda novità riguarda le spese di giustizia: in caso di archiviazione, di sentenza di non luogo a procedere o di proscioglimento per legittima difesa domiciliare o per eccesso colposo, sono poste a carico dello Stato gli onorari e le spese spettanti al difensore, all’ausiliario giudiziario e al consulente tecnico di parte (art. 115-bis d.p.r. 30 maggio 2002, n. 115).
La legge 19 luglio 2019, n. 69 (c.d. codice rosso), insieme ad inasprimenti di pene e nuovi illeciti penali, ha previsto per determinati delitti di violenza contro la persona una corsia investigativa preferenziale, dalla quale deriva il nome del provvedimento.
Il decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 (c.d. sicurezza-bis), conv. nella legge n. 77 del 2019, ha portato novità in tre aree: il contrasto all’immigrazione illegale, il potenziamento dell’attività amministrativa della giustizia e il contrasto alla violenza in occasione di manifestazioni sportive.
 
Per scaricare l'addenda completa clicca qui!